In India, il gas di scarico diesel diventa inchiostro

L’innovativa idea di convertire il gas di scarico tossico dei motori diesel in inchiostro a disposizione di tutti.

I

L’inquinamento provocato dalle polveri sottili è uno dei problemi più preoccupanti del nostro secolo: tra i paesi più colpiti c’è sicuramente l’India, tristemente nota per il record di più alto inquinamento atmosferico al mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha infatti rilevato che in India si trovano 14 delle 15 città più inquinate al mondo e che ogni anno si verificano più di 1,1 milioni decessi per inquinamento atmosferico.

Nei mesi estivi anche i condizionatori e i ventilatori contribuiscono ad aumentare le emissioni di particolato carbonioso nell’atmosfera e quindi nell’aria che respiriamo. Proprio in India un gruppo di ricercatori ha realizzato una tecnologia in grado di imprigionare le emissioni di gas di scarico dei motori diesel.

Riciclare e trasformare lo smog in inchiostro consente di ridurre l’effetto serra e migliora la salute di tutta la popolazione.

Per ridurre le emissioni nocive di gas, un gruppo di giovani ingegneri della start-up indiana Chakr Innovations ha ideato un modo per bloccare lo smog e trasformarlo in uno strumento utile. Per prima cosa, hanno progettato un filtro da inserire nel tubo di scappamento che cattura le particelle di fuliggine dei gas di scarico dei motori diesel, impedendo così che si disperdino nell’atmosfera. Le emissioni raccolte vengono successivamente condensate in granelli uniformi che costituiscono un pigmento che, mischiato con un olio vegetale, produce l’inchiostro POINK (Pollution Ink), indelebile e di alta qualità. Questo materiale non è tossico perché le particelle di fuliggine sono sottoposte ad un processo di selezione che consente di separarle dai componenti potenzialmente più pericolosi, come i metalli pesanti. 

Come racconta uno degli ideatori dell’inchiostro POINK, l’idea del progetto è nata da un commento di un suo amico riguardo alle tracce visibili che l’inquinamento atmosferico delle strade aveva lasciato sui suoi vestiti. Nasce così l’idea di realizzare un inchiostro sfruttando l’aria inquinata.

L’invenzione degli ingegneri della Chakr Innovation è quindi doppiamente innovativa: da un lato consente di ridurre drasticamente le emissioni di particolato carbonioso, e dall’altro permette di riciclare le particelle di fuliggine dei gas di scarico in inchiostro ecologico, non dannoso ed impermeabile. Questo inchiostro è disponibile in pennarelli di vari formati, in cartucce per stampanti e in vernici spray. Questo progetto è veramente ecologico, dato che per produrre un pennarello di inchiostro POINK (circa 28 gr) è sufficiente catturare le emissioni di scarico di un veicolo per circa 45 minuti.

Pollution Ink è ancora un progetto in via di sviluppo, ma l’obiettivo dei suoi fondatori è chiaro: “L’inchiostro catturerà il particolato delle emissioni, che altrimenti sarebbe andato nei nostri polmoni. Quello che facciamo è riproporre in forma nuova e salutare un inquinante che fa ammalare le persone, che sta distruggendo il nostro ambiente e che esiste tutto intorno a noi, nella nostra aria”.

Tutto può avere una seconda vita, anche il gas di scarico.

Effettua il login