Diesel: blocco di circolazione dal 2020?

Con le nuove regolamentazioni europee, sembra che la tecnologia diesel si stia avvicinando verso la fine. Come si adatteranno gli automobilisti?

I

Abbracciando le nuove restrizioni europee, anche il nord-Italia si prepara ad un graduale blocco della tecnologia diesel
Blocco al diesel in nord-Italia

Sin dal 2015, il futuro del diesel sembrava già compromesso: il caso dieselgate scoppiò negli Stati Uniti quando l”EPA, l’agenzia americana per la protezione dell’ambiente riscontrò la presenza di una tecnologia in grado di aggirare le normative ambientali sulle emissioni di NOx su veicoli del gruppo Wolksvagen – e ultimamente, rendendo pubblica la vera natura inquinante di questo genere di alimentazione. Abbracciando le nuove restrizioni europee, anche il nord-Italia si prepara ad un graduale blocco della tecnologia diesel. Sono infatti di recente scattate le prime limitazioni permanenti al traffico in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. La guerra allo smog nella pianura padana continua, quindi, con un divieto di circolazione nei giorni feriali che vale anche per i veicoli diesel Euro 3 (oltre che per i mezzi benzina Euro 0, diesel Euro 0, diesel Euro 1 e diesel Euro 2) indipendentemente dai livelli d’inquinamento. Dal lunedì al venerdì, dalle ore 7,30 alle ore 19,30, salve le eccezioni indispensabili, il blocco vale per le autovetture e i veicoli commerciali di categoria N1, N2 ed N3 ad alimentazione diesel, di categoria inferiore o uguale ad Euro 3. Vi consigliamo di consultare il sito del comune di residenza per verificare nel dettaglio tutte le restrizioni. Le aree principalmente interessate al blocco sono i centri urbani con popolazione superiore ai 30.000 abitanti presso i quali opera un adeguato servizio di trasporto pubblico locale, ricadenti in zone presso le quali risulta superato uno o più dei valori limite del PM10 o del biossido di azoto NO2. Il blocco della auto diesel varrà anche per i prossimi anni. La limitazione è estesa alla categoria diesel Euro 4 dal 1 ottobre 2020 e alla categoria diesel Euro 5 dal 1 ottobre 2022.

Il futuro del diesel

Tenendo a mente queste nuove legislazioni, viene spontaneo chiedersi quale sarà il futuro dei motori diesel. Analizzando la risposta del mercato – come anche gli interessi dei costruttori a rispettare un’etica di produzione sempre più green – sembrerebbe che questa tecnologia si stia ormai avvicinando alla fine. I produttori di auto stanno appunto concentrando i loro sforzi verso uno sviluppo sempre più affinato ed ecologicamente compatibile dei motori a benzina. Come anche allargare le opzioni offerte ai propri clienti, cominciando dall’ibrido e dall’elettrico.

Due tecnologie già presenti sul mercato e sempre più quotate: delle realtà concrete e reali che, entro breve, rimpiazzeranno in toto gli ormai obsoleti motori diesel.

Sono molti i costruttori che stanno progressivamente abbandonando lo sviluppo di questi motori: Volvo, Porsche e Toyota hanno infatti scelto di puntare tutto su auto ibride ed elettriche. Una scelta non solo più ecologica, ma che riflette anche gli elevati costi che i produttori si dovranno accollare per rispettare queste nuove normative.

Due tecnologie già presenti sul mercato e sempre più quotate, delle realtà concrete

Pebble Mine: L’EPA di Trump vuole aprire una miniera tossica in Alaska

Pebble è solo l'ultimo esempio di lobbismo che sfrutta la natura per profitto, lasciando gli effetti collaterali ai cittadini
20.5.2019

Pesca elettrica, vietata dall’UE dal 2021

Lo scorso 16 aprile il Parlamento europeo ha sancito un divieto ufficiale sulla crudele pratica della pesca elettrica, già illegale in Italia
18.5.2019

Save the Planet scrive ai candidati per le europee

L’Associazione ha inviato una call to action per sensibilizzare le istituzioni italiane sul tema della sostenibilità ambientale
17.5.2019

Le piogge di microplastica

Un nuovo studio ha scoperto tracce di microplastiche all’interno di acqua piovana raccolta in una remota regione dei Pirenei, in Francia
15.5.2019

PCUP, il bicchiere smart che sostituirà la plastica

Finalmente, una startup italiana sembra aver trovato un’alternativa valida ai bicchieri in plastica usa e getta: si chiama PCUP e cambierà le nostre serate
13.5.2019

Bornholm: l’isola che non produce rifiuti

Invece di sostituire il vecchio inceneritore, l’isola danese di Bornholm ha deciso di diventare interamente trash-free entro il 2032
11.5.2019

Notre-Dame: La cultura come analogia della natura

“Perché combattere i cambiamenti climatici se non per vedere le prossime generazioni godere della ricchezza culturale che la razza umana ha costruito?”
8.5.2019

Glifosato e pesticidi: gli effetti sulla nostra salute

È da anni che l’industria agricola si avvale di pesticidi e diserbanti come il glifosato, ma quali sono le loro reali conseguenze sulla nostra salute?
29.4.2019

Ooho: la bottiglia d’acqua biodegradabile e commestibile

Una startup Londinese ha sviluppato Ooho, un’alternativa completamente eco-sostenibile, naturale e commestibile alle bottiglie di plastica
27.4.2019

Un Sinodo Speciale per l’ecosistema dell’Amazzonia

Sono passati due anni da quando Papa Francesco ha richiesto un Sinodo Speciale che tratti le importanti tematiche ambientali legate ai popoli dell’Amazzonia
24.4.2019