Glifosato e pesticidi: gli effetti sulla nostra salute

È da anni che l’industria agricola si avvale di pesticidi e diserbanti come il glifosato, ma quali sono le loro reali conseguenze sulla nostra salute?

I

Le conseguenze che questo chimico ha sull’ecosistema stanno diventando sempre più chiare e visibili
Agrochimici e salute umana

Nel 2015, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riclassificato il glifosato come agente potenzialmente cancerogeno per l’uomo. Solo lo scorso mese, l’azienda americana di pesticidi Monsanto (facente parte del gruppo Bayer) è stata condannata a risarcire $80 milioni di danni ad un agricoltore statunitense. La prima fase del processo è stata quasi interamente dedicata all’analisi delle prove scientifiche, per determinare l’esistenza di un legame tra l’agrochimico e il linfoma non-Hodgkin contratto dal querelante, Edwin Hardeman. La conclusione, raggiunta il 19 marzo scorso dai sei membri della giuria, è stata che Roundup – il diserbante a base di glifosato usato dall’agricoltore – è stato un “fattore sostanziale” nel provocare il cancro a Hardeman.

Alla luce delle informazioni emerse da questo processo, ora Bayer-Monsanto dovrà fare i conti con cause legali lanciate da oltre 11.200 tra agricoltori, giardinieri e altre persone che hanno da sempre usato Roundup, un prodotto che l’azienda comunque difende come sicuro come lo è il suo ingrediente attivo, il glifosato. Sono altri sei i casi che finiranno in tribunale quest’anno, tutti legati all’uso dello stesso diserbante Roundup in America. Va comunque ammesso che non esistono a oggi prove concrete che puntano il dito solo ed unicamente contro il glifosato, potrebbero essere infatti altri gli agenti – facenti parte della stessa formula – ad avere effetti cancerogeni sull’uomo. Infatti, nelle formulazioni usate in agricoltura la molecola originale è quasi sempre accompagnata da sostanze che ne aiutano la penetrazione nelle cellule, i cosiddetti surfattanti. Potrebbero essere questi ultimi ad avere effetti negativi sulla salute umana e animale.

Gli effetti del glifosato sull’ecosistema

Pubblicato recentemente dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale o Ispra, l’edizione 2018 del Rapporto nazionale pesticidi nelle acque presenta uno studio approfondito dei diversi scenari correlati all’uso dei fitofarmaci, basati su dati del biennio 2015-2016.  In Italia l’agricoltura utilizza non meno di 400 sostanze diverse, per un totale di 130.000 tonnellate usate ogni anno. “Nelle acque superficiali – si legge – sono stati trovati pesticidi nel 67% dei 1.554 punti di monitoraggio; nelle acque sotterranee, nel 33,5% dei 3.129 punti”. Nonostante l’alto volume disperso nelle nostre acque, i risultati non avevano suscitato particolari preoccupazioni, perché il glifosato agisce in particolar modo sulla crescita della pianta, inibendo l’attività di un enzima coinvolto nella sintesi di amminoacidi essenziali e della lignina. Un percorso agro-chimico che si pensava relativamente innocuo per la fauna. Ma studi di ecotossicologia hanno però recentemente provato che il glifosato può avere effetti anche su molte specie di animali. Già da qualche anno siamo infatti a conoscenza degli effetti teratogenici di questa sostanza, che causano sviluppi anomali degli organi nello sviluppo degli animali, come le rane. O, come provato da uno studio del 2015 pubblicato su Environmental Toxicology and Pharmacology, si verifichino riduzioni della testa e degli occhi di alcuni piccoli pesci d’acqua dolce, per via dell’interferenza della molecola con alcuni geni implicati nello sviluppo embrionale.

Gli scienziati stanno ancora facendo ricerche sulle implicazioni che questo materiale può avere sulla salute in lungo e lunghissimo termine.

Nelle acque superficiali sono stati trovati pesticidi nel 67% dei 1.554 punti di monitoraggio

Pebble Mine: L’EPA di Trump vuole aprire una miniera tossica in Alaska

Pebble è solo l'ultimo esempio di lobbismo che sfrutta la natura per profitto, lasciando gli effetti collaterali ai cittadini
20.5.2019

Pesca elettrica, vietata dall’UE dal 2021

Lo scorso 16 aprile il Parlamento europeo ha sancito un divieto ufficiale sulla crudele pratica della pesca elettrica, già illegale in Italia
18.5.2019

Save the Planet scrive ai candidati per le europee

L’Associazione ha inviato una call to action per sensibilizzare le istituzioni italiane sul tema della sostenibilità ambientale
17.5.2019

Le piogge di microplastica

Un nuovo studio ha scoperto tracce di microplastiche all’interno di acqua piovana raccolta in una remota regione dei Pirenei, in Francia
15.5.2019

PCUP, il bicchiere smart che sostituirà la plastica

Finalmente, una startup italiana sembra aver trovato un’alternativa valida ai bicchieri in plastica usa e getta: si chiama PCUP e cambierà le nostre serate
13.5.2019

Bornholm: l’isola che non produce rifiuti

Invece di sostituire il vecchio inceneritore, l’isola danese di Bornholm ha deciso di diventare interamente trash-free entro il 2032
11.5.2019

Notre-Dame: La cultura come analogia della natura

“Perché combattere i cambiamenti climatici se non per vedere le prossime generazioni godere della ricchezza culturale che la razza umana ha costruito?”
8.5.2019

Glifosato e pesticidi: gli effetti sulla nostra salute

È da anni che l’industria agricola si avvale di pesticidi e diserbanti come il glifosato, ma quali sono le loro reali conseguenze sulla nostra salute?
29.4.2019

Ooho: la bottiglia d’acqua biodegradabile e commestibile

Una startup Londinese ha sviluppato Ooho, un’alternativa completamente eco-sostenibile, naturale e commestibile alle bottiglie di plastica
27.4.2019

Un Sinodo Speciale per l’ecosistema dell’Amazzonia

Sono passati due anni da quando Papa Francesco ha richiesto un Sinodo Speciale che tratti le importanti tematiche ambientali legate ai popoli dell’Amazzonia
24.4.2019