Ooho: la bottiglia d’acqua biodegradabile e commestibile

Una startup Londinese ha sviluppato Ooho, un’alternativa completamente eco-sostenibile, naturale e commestibile alle bottiglie di plastica

I

Al costo di soli due centesimi a sfera, Skipping Rocks Lab spera di far “scomparire il packaging”
Un'alternativa sostenibile

Composta da un innovativo gel formato da una doppia membrana gelatinosa, le Ooho sono costituite da una mistura di alginato di sodio ricavato da alghe marine e di cloruro di calcio.

Ooho è un’alternativa sostenibile alle bottiglie di plastica e alle tazze, totalmente biodegradabile e talmente naturale che si può anche mangiare“, sottolineano i tre inventori nel loro sito di crowdfunding – ora concluso – che ha ricevuto £848,850 di donazioni. Una cifra che si aggira approssimativamente al 212% della somma che volevano originariamente raggiungere, £400,000.

Il successo di quest’invenzione può essere attribuito che il mercato sta sviluppando per alternative plausibili all’uso indiscriminato di plastica nel packaging dei prodotti che compriamo tutti i giorni. Dato il suo costo ridotto, Skipping Rocks Lab spera di far “scomparire il packaging”, offrendo appunto una soluzione economica alle questioni di imballaggio usa e getta che stanno correntemente inquinando i nostri mari, basti pensare alle gigantesche isole di plastica che sono emerse negli oceani del mondo. Ooho promette di cambiare le nostre abitudini, cosi come prevenire che 1 miliardo di bottiglie di plastica finiscano in mare ogni anno, dopo un processo di produzione che emette ben 200 milioni di chili di CO2 nell’atmosfera.

I possibili usi

Presentando Ooho sul suo sito, la startup Londinese parla del progetto in questi termini:

Puoi mettere quasi tutti i liquidi in un Ooho, ma l’importante è che sia una situazione “on-the-go”, cioè un contesto che prevede l’uso immediato del prodotto e che meglio si adatta alle proprietà naturali dei materiali. Lo stiamo presentando come sostituto delle piccole bottiglie d’acqua che vediamo ovunque, ma anche per i succhi di frutta freschi che vengono fatti ogni giorno, per salse e condimenti utilizzati da fast food e inclusi in insalate, come anche per l’idratazione in eventi sportivi come le maratone”. Skipping Rocks Lab vuole arrivare a sviluppare una macchina automatica che produca Ooho in situ: “Sarà in grado di produrre 100 Ooho in 5-10 minuti e sarà gestito localmente dai rivenditori per imballare e vendere bevande fresche ogni giorno nel negozio, o dal nostro team di eventi nella struttura di Skipping Rocks Lab e in locations selezionate”.

In conclusione, quando interrogati sulle ragioni per cui hanno sviluppato Ooho, i tre ingegneri hanno dichiarato che “le bottiglie di plastica sono tra i rifiuti più comuni trovati nel mare. Ci vogliono 700 anni perché si decompongano completamente. Cambiare il modo in cui confezioniamo le nostre bevande è quindi fondamentale per la protezione dell’ambiente. Ooho rende rispettare l’ambiente più facile e consente ai consumatori di fare le scelte positive che vogliono veramente fare.”

Cambiare il modo in cui confezioniamo le nostre bevande è fondamentale per la protezione dell'ambiente

Pebble Mine: L’EPA di Trump vuole aprire una miniera tossica in Alaska

Pebble è solo l'ultimo esempio di lobbismo che sfrutta la natura per profitto, lasciando gli effetti collaterali ai cittadini
20.5.2019

Pesca elettrica, vietata dall’UE dal 2021

Lo scorso 16 aprile il Parlamento europeo ha sancito un divieto ufficiale sulla crudele pratica della pesca elettrica, già illegale in Italia
18.5.2019

Save the Planet scrive ai candidati per le europee

L’Associazione ha inviato una call to action per sensibilizzare le istituzioni italiane sul tema della sostenibilità ambientale
17.5.2019

Le piogge di microplastica

Un nuovo studio ha scoperto tracce di microplastiche all’interno di acqua piovana raccolta in una remota regione dei Pirenei, in Francia
15.5.2019

PCUP, il bicchiere smart che sostituirà la plastica

Finalmente, una startup italiana sembra aver trovato un’alternativa valida ai bicchieri in plastica usa e getta: si chiama PCUP e cambierà le nostre serate
13.5.2019

Bornholm: l’isola che non produce rifiuti

Invece di sostituire il vecchio inceneritore, l’isola danese di Bornholm ha deciso di diventare interamente trash-free entro il 2032
11.5.2019

Notre-Dame: La cultura come analogia della natura

“Perché combattere i cambiamenti climatici se non per vedere le prossime generazioni godere della ricchezza culturale che la razza umana ha costruito?”
8.5.2019

Glifosato e pesticidi: gli effetti sulla nostra salute

È da anni che l’industria agricola si avvale di pesticidi e diserbanti come il glifosato, ma quali sono le loro reali conseguenze sulla nostra salute?
29.4.2019

Ooho: la bottiglia d’acqua biodegradabile e commestibile

Una startup Londinese ha sviluppato Ooho, un’alternativa completamente eco-sostenibile, naturale e commestibile alle bottiglie di plastica
27.4.2019

Un Sinodo Speciale per l’ecosistema dell’Amazzonia

Sono passati due anni da quando Papa Francesco ha richiesto un Sinodo Speciale che tratti le importanti tematiche ambientali legate ai popoli dell’Amazzonia
24.4.2019